Pappardelle con ragù bianco di coniglio, mandorle e olive taggiasche

Dopo aver celebrato la Giornata nazionale delle Pappardelle per il Calendario del cibo italiano non mi resta che regalarvi la ricettina che mi sono preparata per il pranzo dopo aver steso a mano la mia sfoglia e ricavato le mie strisce di pasta.

pappardelle-al-ragu-bianco-di-coniglio-mandorle-e-olive-2

pappardelle-al-ragu-bianco-di-coniglio-mandorle-e-olive-1

Il coniglio è quello di casa, allevato con amore da mia suocera, che la sera prima ho preparato per cena in umido in tegame e del quale ho riservato qualche pezzo per andare ad accompagnare le mie pappardelle. Anche le mandorle sono di casa, raccolte a fine estate in una delle tante piante da frutto disseminate lungo i filari della vigna del suocero. Le olive sono un classico abbinate al coniglio in umido ed io ho preferito le taggiasche più delicate rispetto alle nere classiche o addirittura a quelle cotte in forno.

La ricetta è veramente semplice e se avete, come nel mio caso, della carne avanzata dalla sera prima un gioco da ragazzi.

pappardelle-al-ragu-bianco-di-coniglio-mandorle-e-olive-3

PAPPARDELLE CON RAGU’ BIANCO DI CONIGLIO, MANDORLE E OLIVE TAGGIASCHE (per 1 porzione, cioè quello che è stato il mio pranzo)

  • 125 gr circa di pappardelle fresche o 2 nidi di pappardelle secche
  • polpa di coniglio a pezzetti (anche avanzi di un arrosto o di un umido)
  • 7-8 olive taggiasche denocciolate
  • 7-8 mandorle senza buccia
  • olio extravergine di oliva
  • un rametto di rosmarino

Se non avete la carne avanzata da un arrosto/umido, in un tegame rosoliamo il coniglio a pezzetti con olio e.v.o. e il rosmarino fino a formare una crosticina. Se la carne non dovesse risultare cotta sfumiamo con un po’ di vino (o brodo caldo) e portiamo a cottura (ci vogliono comunque pochi minuti se i pezzi non sono grandi come nel mio caso).

Tostiamo le mandorle in padella (eventualmente possiamo ridurle a filetti).

Cuociamo la pasta in abbondante acqua salata. Scoliamo e condiamo con il coniglio, le mandorle e le olive prima di aggiungere un filo d’olio.

Buon appetito!

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *